Author:

In quel tempo, Gesù disse ai suoi discepoli:
“Avete inteso che fu detto: “Occhio per occhio” e “dente per dente”. Ma io vi dico di non opporvi al malvagio; anzi, se uno ti dà uno schiaffo sulla guancia destra, tu pòrgigli anche l’altra, e a chi vuole portarti in tribunale e toglierti la tunica, tu lascia anche il mantello”
(Mc 5, 38-42)

Buona lunedì dell’ undicesima settimana!

“Ma io vi dico di non opporvi al malvagio; date a chiunque vi chiede”.

Queste parole di Gesù, di porgere l’ altra guancia, sono parole che si capiscono all’interno delle parole dei giorni scorsi: perche’ grande è la ricompensa nei cieli”.

Certo, la giustizia è legittima sulla terra, ma c’è una giustizia ancora più grande, una ricompensa ancora più grande, che è quella che viene da Dio.

Di fronte alle ingiustizie, alle sofferenze, noi possiamo, sì, darci da fare per risolverle e dobbiamo farlo!-, ma possiamo anche davvero offrire tutto al Signore, e confidare nel premio, perché ogni gesto d’amore sofferto, anche ogni ingiustizia subita offerta al Signore, produce una ricompensa grande nei Cieli.

Così ha fatto Gesù sulla croce: ha puntato tutto sulla ricompensa di Dio, ha lasciato fare a Dio, e ha ottenuto una “vendetta”, una giustizia incredibile, vincendo davvero il male.

Il male si vince solo così: non diventando anche noi male, ma rispondendo con il bene.

Gesù, Maria Giuseppe vi amo.
Salvate anime!

(D.G)

“Mettiti presto d’accordo con il tuo avversario mentre sei in cammino con lui, perché l’avversario non ti consegni al giudice e il giudice alla guardia, e tu venga gettato in prigione.
In verità io ti dico: non uscirai di là finché non avrai pagato fino all’ultimo spicciolo”
(Mt 5,20,26)

Buon 13 Giugno, Festa di S.Antonio da Lisbona e di Padova…
Essendo don Giulio per metà padovano, per me oggi è una bellissima festa!

È famoso, S.Antonio, perché, lui, grande dottore e predicatore- un giorno, scorta una luce incredibile nella sua cella,  lo videro che cullava con tanto affetto, come una mamma, Gesù Bambino nel suo cuore.

Oggi Gesù nel Vangelo parla di “ultimo spicciolo”: dovremo rendere conto e pagare fino all’ultimo spicciolo.

È negli spiccioli della vita, è nelle piccole cose, che c’è Dio, perché sono grandi proprio le cose piccole; anche una piccola parola o un piccolo pensiero contro, un piccolo litigio, è come uccidere una persona, arriva a dire il Signore oggi nel Vangelo.

È nel piccolo, che c’è il grande, e Dio è piccolo, e vuole essere trattato come un bambino: cullato, portato in braccio, perché sappiamo riconoscerlo nelle cose più piccole, come nei bambini.

Riconoscere la sua presenza e amarlo: amare rendendo grande la nostra piccola vita.

Gesù, Maria Giuseppe vi amo.
Salvate anime!

(D.G)

Santa Messa stasera a Pianoro nel trigesimo della nascita al cielo di mons. Paolo Rubbi.
Ha presieduto la celebrazione don Stefano Bendazzoli, assistente Azione Cattolica.